mercoledì 22 aprile 2015

Storie

Amo quelle storie che non hanno inizio né fine, sono semplicemente lì che restano in circolo. Non chiedono nulla, eppur son sempre pronte a strapparti un sorriso, rubarti un'emozione. Come l'aria dispensano profumi, fragranze, odori.

Adoro quegli incontri che non avvengono mai quando lo decidi tu. Che stai lì a contare i minuti e pesare i secondi giusti per metterti in strada e poterla incrociare, ma non è ancora uscita dal lavoro oppure è già arrivata a casa, e l'unica traccia di lei è la sua auto parcheggiata in bella mostra. Poi quando rinunci a cercarla ti sbuca alle spalle, alla fontanella dell'acqua o in cartolibreria, come un'apparizione miracolosa. Che come ti volti sbatti addosso ai suoi occhi, veloci e potenti come un schiaffo in pieno viso. E si che lasciano il segno.

Nessun commento:

Posta un commento